Fondazione Lisio pochette

Fondazione Arte della Seta Lisio

Fondazione Arte della Seta Lisio

Monica Monti
Monica Monti

Siamo sulle colline alle porte di Firenze in un luogo che racchiude in sé l’amore per la tradizione, la manifattura pregiata, l’alta formazione, un centro di ricerca, di restauro e di cultura.

I co-protagonisti di questa avventura sono i telai manuali Jacquard di fine Ottocento; gli allestitori del telaio con la loro attenzione e abilità; i tessitori con la loro estrema precisione e concentrazione; l’amore, la dedizione e  la curiosità di Giuseppe Lisio che nel 1906 fonda la sua prima manifattura a Firenze e della figlia Fidalma che, desiderosa di tutelare il lavoro del padre, continua l’attività e apre anche una scuola a tal scopo dedicata.

Ho parlato volutamente di co-protagonisti perché l’attore principale e’ il “pregio della lentezza” .

Sí, perchè solo il tempo necessario ad una tessitura manuale può consentire la produzione di broccati e  velluti operati, cesellati, ricci e tagliati di tale fattura e preziosità.

La lavorazione è interamente svolta a mano, utilizzando seta e filati d’oro e d’argento come pure materiali nuovi, frutto delle più avanzate ricerche tecnologiche.

 

Come un direttore d’orchestra seleziona e prepara i suoi orchestrali così il tessitore inizia il processo con la preparazione del telaio manuale e poi si susseguono ben undici passaggi: dalla tintura della seta, alla creazione dei cartoni Jacquard, dall’orditura per l’ordito di fondo (preparazione dei rocchetti, creazione dell’ordito e piegatura sul subbio) alla preparazione delle bobine per il pelo (per esempio da 800 fino a circa 3600 bobine per tipo di telaio).

 

 

L’intervento del tessitore è parte fondamentale della creazione: attenzione progettuale, scelta di filati preziosi ed esecuzioni accurate sono gli elementi di spicco della tessitura Lisio. Un tessitore esperto riesce a produrre circa 20-25 centimetri al giorno di velluto e 7-10 cm al giorno di broccato, dipendendo dalla gamma di colori adottata.

 

 

Il tessuto nasce dall’incontro dell’ordito e della trama in un intreccio originato da quella che, molto probabilmente, è la prima attività complessa, (da cum-plectere cioè intrecciare insieme).

 

 

Tessere quindi è arte del comporre. Come nella trama delle relazioni è solo attraverso un’interazione in cui si dedichi tempo e cura che si otterranno risultati di pregio. 

 

Fondazione Lisio broccati

 

Dal 1971 la Fondazione Lisio ha fatto della cura per i dettagli il suo manifesto, portando in tutto il mondo l’intreccio magistrale di fili preziosi che non sono solo composizioni ma sono Opere d’Arte Pregiate

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.