leonardo bianchi tavolo nero

I giovani amano l’Arte…

I giovani amano l’Arte…

Monica Monti
Monica Monti

 

Quando andavo a scuola non avrei mai scommesso che un giorno mi sarei trovato protagonista nella bottega di mio padre.

 

leonardo e alessandro bianchi

 

Se devo essere sincero, non ci pensavo nemmeno. Tutte le strade mi portavano all’università, al diritto, alla letteratura o a qualsiasi altra facoltà fosse.

Non era nemmeno immaginabile che un giovane ragazzo desiderasse o sognasse di diventare un artigiano. Di lavorare e costruire qualcosa di bello con le proprie mani.

 

 

Eppure sono stato allevato e sono cresciuto vicino a questo mondo “perso”, stantio, non al passo con i tempi, come pensava la stragrande maggioranza dei miei amici all’epoca.

Era come se il mondo avesse fatto di tutto per tenermi lontano dall’arte della scagliola, da quella lunga, faticosa e complessa tecnica artistica che ho avuto accanto fin dalla nascita. Invece la soluzione era già dentro di me.

 

 

Nel tempo sono diventato testimone di una tradizione e di una storia in cui ho riscoperto la mia identità, le mie radici.

Ho finalmente capito cosa dovevo fare da grande non tanto perché dovevo farlo come routine, ma perché era la vita stessa a spingermi in quella direzione per fare del mio lavoro il massimo espediente per realizzarmi e definirmi come essere umano.

 

 

Finalmente potevo percepirmi in modo diverso.

Così ho imparato a incidere, a creare e fare impasti colorati, a levigare la stessa materia che mi aveva dato un futuro, una nuova speranza.

Dove finiva la mia abilità, iniziava la mia forza di disperazione, oserei dire. Ed è questo che ha fatto la differenza. Paradossalmente è stata la più grande motivazione che ho sentito per imparare e per andare avanti.

 

 

I giovani non sono tutti sprovveduti o pigri, come spesso leggiamo sui giornali o vediamo in tv. Devono avere tempo e disponibilità per imparare a fallire con le proprie mani.

Nell’attuale era digitale concedere loro il diritto di sbagliare e avvicinarli a un mondo poco sponsorizzato ma ricco di passione e tradizioni è la chiave per rilanciare e garantire il loro futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.